«

»

Alti livelli di luteina e di zeaxantina sono legati ad una migliore funzione cognitiva

Alti livelli di luteina e di zeaxantina sono legati ad una migliore funzione cognitiva

luteina_zeaxantina_migliora_funzioni_cognitiveLivelli ematici elevati di antiossidanti quali la luteina e la zeaxantina sembrano essere associati ad una migliore funzione cognitiva e migliore memoria.

A dirlo è un nuovo studio che proviene dall’Irlanda. I dati sono pubblicati sul Journal of Gerontology, dalla Irish Longitudinal Study on Aging.

I ricercatori hanno anche trovato prove che livelli più elevati  di zeaxantina sono stati associati con una migliore elaborazione e una velocità maggiore di esecuzione. I risultati di questo studio son in accordo con altri piccoli studi precedenti, ma questo è il primo studio che analizza la luteina e la zeaxantina nel plasma in relazione alle funzioni cognitive.

Il legame tra luteina e la salute degli occhi è stata osservata per la prima volta nel 1994 dal Dr.  Seddon ed i suoi colleghi presso l’Università di Harvard.

In quell’epoca, hanno trovato un legame tra l’assunzione di cibo ricco di carotenoidi e verdure a foglia verde particolarmente scure come gli spinaci, ed una significativa riduzione collegata all’invecchiamento e degenerazione maculare AMD) (JAMA, Vol. 272, pp. 14.131.420).

Numerosi studi con dati dai primati, bambini, persone di mezza età e gli anziani ora supportano l’importanza della luteina nella salute del cervello. Questo lavoro è molto importante in quanto si aggiunge ai recente risultati che mostrano un legame tra i carotenoidi e la funzione cognitiva. In questo studio i ricercatori confermano che le concentrazioni nel plasma di luteina e di zeaxantina erano associati con i migliori punteggi di cognizione globale, della memoria e delle funzioni esecutive. L’unicità di questo studio si riferisce al suo campione rappresentativo molto ampio della popolazione anziana. I ricercatori hanno analizzato i dati di 4.076 adulti della comunità irlandese di età compresa tra 50 anni o più. I risultati hanno mostrato che i carotenoidi sono stati associati con i migliori punteggi della cognizione globale, la memoria, e la funzione esecutiva. Interessante è anche notare che solo la zeaxantina è stata trovata ad essere associata con una migliore velocità di elaborazione. Per i ricercatori, anche se è prematuro trarre conclusioni da questi risultati, come l’importanza assoluta o relativa dei carotenoidi per la funzione cognitiva, c’è una buona base biologica che ipotizza che questi composti possono essere neuroprotettivi, grazie alla loro azione antiossidante ed antinfiammatorie. Fonte

——-

Solo su myolostore.com trovi i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere!

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
ANALISI CLINICHE: AMFETAMINE

AMFETAMINE Cos’è: Le amfetamine sono delle amine simpatico mimetiche, di origine sintetica che agiscono sul sistema nervoso stimolandolo. La prima...

Frittata aromatica di patate con scaglie di grana

Frittata aromatica di patate con scaglie di grana Ingredienti: 5 uova grandi, 4 cucchiai di grana grattugiato, 3 patate medie,...

vitamina_d(2)
VITAMINA D

VITAMINA D La Vitamina D è una sostanza molto importante per la salute e per le ossa. La vitamina D è un...

ANALISI CLINICHE: ACETILCOLINESTERASI

ANALISI CLINICHE: ACETILCOLINESTERASI Cos’è: L’acetilcolinesterasi appartiene alla famiglie delle colinesterasi, enzimi deputati all’idrolisi dei vari esteri dell’acetilcolina. Solitamente è presente...

broccoli
Nei broccoli il nuovo soppressore tumorale naturale

Nei broccoli il nuovo soppressore tumorale naturale! I numerosi studi scientifici negli anni hanno dimostrato che esistono dei veri e...

Close