«

»

Alti livelli di luteina e di zeaxantina sono legati ad una migliore funzione cognitiva

Alti livelli di luteina e di zeaxantina sono legati ad una migliore funzione cognitiva

luteina_zeaxantina_migliora_funzioni_cognitiveLivelli ematici elevati di antiossidanti quali la luteina e la zeaxantina sembrano essere associati ad una migliore funzione cognitiva e migliore memoria.

A dirlo è un nuovo studio che proviene dall’Irlanda. I dati sono pubblicati sul Journal of Gerontology, dalla Irish Longitudinal Study on Aging.

I ricercatori hanno anche trovato prove che livelli più elevati  di zeaxantina sono stati associati con una migliore elaborazione e una velocità maggiore di esecuzione. I risultati di questo studio son in accordo con altri piccoli studi precedenti, ma questo è il primo studio che analizza la luteina e la zeaxantina nel plasma in relazione alle funzioni cognitive.

Il legame tra luteina e la salute degli occhi è stata osservata per la prima volta nel 1994 dal Dr.  Seddon ed i suoi colleghi presso l’Università di Harvard.

In quell’epoca, hanno trovato un legame tra l’assunzione di cibo ricco di carotenoidi e verdure a foglia verde particolarmente scure come gli spinaci, ed una significativa riduzione collegata all’invecchiamento e degenerazione maculare AMD) (JAMA, Vol. 272, pp. 14.131.420).

Numerosi studi con dati dai primati, bambini, persone di mezza età e gli anziani ora supportano l’importanza della luteina nella salute del cervello. Questo lavoro è molto importante in quanto si aggiunge ai recente risultati che mostrano un legame tra i carotenoidi e la funzione cognitiva. In questo studio i ricercatori confermano che le concentrazioni nel plasma di luteina e di zeaxantina erano associati con i migliori punteggi di cognizione globale, della memoria e delle funzioni esecutive. L’unicità di questo studio si riferisce al suo campione rappresentativo molto ampio della popolazione anziana. I ricercatori hanno analizzato i dati di 4.076 adulti della comunità irlandese di età compresa tra 50 anni o più. I risultati hanno mostrato che i carotenoidi sono stati associati con i migliori punteggi della cognizione globale, la memoria, e la funzione esecutiva. Interessante è anche notare che solo la zeaxantina è stata trovata ad essere associata con una migliore velocità di elaborazione. Per i ricercatori, anche se è prematuro trarre conclusioni da questi risultati, come l’importanza assoluta o relativa dei carotenoidi per la funzione cognitiva, c’è una buona base biologica che ipotizza che questi composti possono essere neuroprotettivi, grazie alla loro azione antiossidante ed antinfiammatorie. Fonte

——-

Solo su myolostore.com trovi i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere!

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
passiflora
PASSIFLORA

PASSIFLORA La passiflora è una pianta appartenente alla famiglia delle Passifloraceae che comprende circa 465 specie di passiflora. Il nome...

acido alfa lipoico
Acido Alfa Lipoico (Tiottico)

L'acido alfa lipoico, conosciuto anche come tiottico è riconosciuto come essere il più importante cofattore enzimatico all'interno del ciclo di...

acerola3
ACEROLA: proprietà, usi, benefici e fitoterapia

ACEROLA: proprietà, usi, benefici e fitoterapia L’acerola (Malpighia punicifolia) appartiene alla famiglia delle Malpighiacee, viene riconosciuta e denominata anche con il...

betaina e trimetilglicina resvipar
BETAINA E TRIMETILGLICINA

BETAINA E TRIMETILGLICINA La betaina è una sostanza naturale chiamata così perché estratta nel 19° secolo dalla barbabietola da zucchero...

ANALISI CLINICHE: ACIDO VALPROICO

ACIDO VALPROICO Cos’è: L’ acido valproico è un prodotto del metabolismo epatico in seguito all’assunzione del valproato. A pH corporeo...

Close