lexapro street price online pharmacy bactrim ds best price for aricept clomid pills to get pregnant diflucan cost publix off paxil

«

»

Invecchiamento e antiossidanti

Invecchiamento e antiossidanti

invecchiamento e antiossidantiL’invecchiamento è il normale processo al quale tutti noi dobbiamo sottostare, ma ciò non implica che non possiamo farlo con un buon stile di vita.

Ora, se tutti noi seguissimo uno stile di vita sano ed una dieta corretta, il quantitativo di antiossidanti introdotto giornalmente sarebbe se non assicurato, almeno elevato e capace di combattere l’avanzamento del tempo e dunque l’invecchiamento. Purtroppo come ben sappiamo non è così e dunque nel nostro mondo occidentalizzato, gli antiossidanti sono ancora il modo migliore per proteggerci dallo stresso ossidativo, invecchiamento e malattie correlate.

Per chi ha studiato biologia, chimica o materie simil-correlate, saprà perfettamente cosa sono i radicali liberi. Ad ogni modo per chi non lo sapesse diciamo che un radicale libero è una sostanza molecolare molto reattiva, costituita da un atomo o una molecola formata da più atomi che presenta un elettrone spaiato. Proprio a causa di questo elettrone spaiato, la sostanza in questione ovvero il radicale è estremamente reattivo ed è in grado di legarsi ad altri radicali o di sottrarre un elettrone ad altre molecole vicine.

Cosa significa tutto ciò? Significa semplicemente che queste sostanze si combinano con altre sostanze, “le prime che trovano” andando a creare anche danni ingenti, infatti i radicali liberi sono uno dei meccanismi di danno cellulare più importante, sebbene assolvano a molte funzioni fondamentali dell’organismo quando controllati.

In sostanza, un radicale libero è una molecola che ha perso uno dei suoi elettroni ed è alla ricerca di molecole sane, per “rubargli” un elettrone. Le cellule del vostro corpo in cui questo processo sta avvenendo, può subire danni. La cellula a causa dei danni subiti può iniziare a non funzionare più correttamente, scatenando quindi la causa di malattie o addirittura patologie avverse come il cancro.

I radicali liberi provengono dalla normale funzione metabolica, ma anche dalle tossine, da alimenti trasformati o da aria inquinata. Ogni volta che si aumenta l’assunzione di elementi e alimenti antiossidanti, stiamo risparmiando le cellule sane da danni ossidativi.

Una delle sostanze cosiddette antiossidante più discusse è il resveratrolo.

In genere si trova nella buccia delle uve rosse, ma anche le arachidi ed altre bacche sono ottime fonti. La pianta in cui si concentra maggiormente il resveratrolo si chiama polygonum cuspidatum.

Poco tempo fa, uno studio condotto in Canada ha rivelato che l’integrazione di resveratrolo può beneficiare i muscoli in modo simile alla formazione di resistenza. I soggetti di questo studio sono stati i topi e tutti hanno esibito un miglioramento nella capacità di resistenza, funzione cardiaca e metabolismo ossidativo. Questo è anche il motivo per cui il resveratrolo è legato alla perdita di grasso.

Prove recenti sul resveratrolo indicano possibili benefici per la salute che includono la prevenzione ed il trattamento del cancro, in particolare della prostata e della mammella. Il resveratrolo potrebbe anche aiutare a dilatare i vasi sanguigni, che può rivelarsi utile per le persone affette da disfunzione erettile.

Una supplementazione regolare di questo antiossidante è stata capace di aiutare nella prevenzione della formazione della placca aterosclerotica, impedendo così la formazione di coaguli di sangue . Una supplementazione di resveratrolo può anche avere un effetto benefico nella qualità della visione. La perdita graduale della vista è normale nel processo di invecchiamento, ma il resveratrolo è noto per rallentare in modo significativo questa perdita.

Alla Harvard Medical School, in una ricerca il resveratrolo si è visto capace di attivare il gene della longevità in alcuni ceppi di lievito ed estendere l’aspettativa di vita del 70%. Lavora nello stesso modo della limitazione calorica (il solo modo scientificamente provato che sia in grado di aumentare la longevità) attivando i geni SIR. Le ricerche più recenti sono state ristrette ai lieviti, alle mosche e ai nematodi ma non vi è nulla che non faccia credere che anche l’uomo possegga questi geni.

——-

Solo su myolostore.com trovi i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere!

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
ANALISI CLINICHE: Acido δ aminolevulinico (ALA) urinario

Acido δ aminolevulinico (ALA) urinario Cos’è: L’acido δ aminolevulinico è un composto intermedio che si forma a partire dal succinil-CoA...

HELICOBACTER PYLORI: ANTIGENE NELLE FECI E ANTICORPI NEL SIERO E TEST DEL RESPIRO

HELICOBACTER PYLORI: ANTIGENE NELLE FECI E ANTICORPI NEL SIERO E TEST DEL RESPIRO Cos’è: L’Helicobacter pylori è un batterio gram...

ananas3
ANANAS SATIVA

ANANAS SATIVA : descrizione botanica, storia, curiosità,usi, benefici e fitoterapia. L’ananas è una pianta tropicale erbacea appartenente alla famiglia delle...

calcio
Calcio

CALCIO Il calcio è un minerale fondamentale la salute dell’organismo e delle ossa. Il nostro organismo ha bisogno di calcio...

legumi-diabete-studio
La rivincita dei legumi

La rivincita dei legumi - legumi e diabete Connessione tra il consumo frequente dei legumi ed il rischio di diabete...

Close