«

»

ANALISI CLINICHE: ANTICORPI ANTI CITOPLASMA NEUTROFILI

ANTICORPI ANTI CITOPLASMA NEUTROFILI

Cos’è: Gli anticorpi diretti contro le componenti del citoplasma dei neutrofili e dei monociti, denominati ANCA, sono immunoglobuline, principalmente IgG, che vengono distinti in p-ANCA e in c-ANCA. La differenza consiste nel  bersaglio target. Già nel 1990 Falk aveva dimostrato che gli ANCA determinano il rilascio degli enzimi contenuti nei granuli primari dei neutrofili. Gli p-ANCA si legano alla cellula bersaglio intorno al nucleo ed attaccano la mieloperossidasi. Gli c-ANCA, invece,  si dispongono secondo i granuli all’interno della cellula ed attaccano la proteinasi 3. Tali autoanticorpi sono considerati come marker sierologico per la diagnostica di vasculiti primarie sistemiche. Inoltre gli anticorpi p-ANCA  sono associati alle patologie infiammatorie intestinali, come la colite ulcerosa (si riscontrano nel 60-80% dei pazienti) ed il morbo di Chron (10-30% dei pazienti).

La ricerca di tali anticorpi può essere effettuata mediante un test ELISA o mediante un test di immunofluorescenza indiretta.

Prescrizione esame: Valutazione, identificazione e monitoraggio di vasculiti primarie sistemiche, granulomatosi di Wegener, malattie infiammatorie intestinali,  sindrome di Churg Strauss, Lupus eritematoso sistemico e artride reumatoide.

Valori di riferimento:

Uomo-Donna: negativo

Valori elevati o fuori norma:

La presenza di tali anticorpi comporta vari sintomi patologici. Associate alla positività degli ANCA esistono tre patologie particolari: granulomatosi di Wegener,  sindrome di Churg-Strauss e vasculiti primarie sistemiche. Interessando le pareti dei piccoli vasi possono causare particolari problemi ischemici e aneurismi e anche problemi a livello renale (proteinuria). Si possono verificare manifestazioni patologiche di infiammazione della parete intestinale, con possibile conseguente colite ulcerosa.

Le migliori performance diagnostiche degli ANCA si riescono ad ottenere quando la metodica di immunofluorescenza indiretta viene affiancata dalle metodiche ELISA PR3 (proteinasi 3) e MPO (mieloperossidasi) specifiche.

Solitamente, dopo la positività, si consiglia effettuare la ricerca del titolo anticorpale mediante diluizioni seriali, affinchè si possa individuare la massima diluizione alla quale gli anticorpi sono ancora presenti (maggiore è la diluizione, maggiore è la concentrazione degli anticorpi nel sangue).

——-

Solo su myolostore.com trovi i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere!

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
acetone
ACETONEMIA (ACETONE)

ACETONEMIA (ACETONE) COS’E’ L'acetonemia  o acetone, come comunemente viene chiamato, è una non malattia, quindi una sintomatologia, dove il soggetto...

ipocalcemia_inulina_inibitori_pompa_protonica
L’inulina previene l’ipocalcemia indotta dagli inibitori di pompa protonica

L'inulina previene l'ipocalcemia indotta dagli inibitori di pompa protonica La supplementazione di inulina come integratore, previene l'ipocalcemia provocata dall'assunzione degli...

eleuterococco_eleutherococcus_senticosus
ELEUTEROCOCCO

ELEUTEROCOCCO (ELEUTHEROCOCCUS SENTICOSUS MAXIM.) : descrizione botanica, storia, curiosità , usi, benefici in fitoterapia Conosciuto anche come ginseng siberiano, l’eleuterococco è...

PROTEINA C REATTIVA

PROTEINA C REATTIVA Cos’è: La proteina C reattiva è una macromolecola proteica prodotta dal fegato durante uno stato di flogosi...

adeonovirus
ANALISI CLINICHE: ADENOVIRUS

ADENOVIRUS ( ESAME SU CAMPIONI DI FECI) Cos'è: La famiglia degli adenovirus è stata identificata come agente patologico dell’uomo nel...

Close