«

»

ALTHEA OFFICINALIS: presentazione botanica, proprietà, usi, benefici, curiosità e fitoterapia

ALTHEA OFFICINALIS:  presentazione botanica, proprietà, usi, benefici, curiosità e fitoterapia

Althea_Officinalis

L’althea  officinalis è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Malvacea. Il nome botanico della pianta deriva dal greco Althain e significa “curare o colei che cura, ma l’althea è nota anche con  il nome di Bismalva, Malvavischio, Malvaccione, Altea comune, ecc. ed era conosciuta e veniva utilizzata fin dall’antichità come pianta medicinale ed alimentare. Cresce spontanea in tutta Europa ma la sua provenienza è statunitense, dalla Virginia in modo particolare. Si trova, principalmente nei luoghi freschi, lungo i fiumi ed i laghi. L ‘althea ha una caratteristica vegetazione vellutata di colore verde chiaro, le foglie sono trilobate, lunghe da 6 a 10 cm, di colore grigiastro e vellutate, con margine seghettato. Fiori ampi bianchi e rosei, a cinque petali, sono portati in grappoli da un lungo fusto eretto che raggiunge un’altezza di 50-160 cm che può essere semplice o ramificato.

I componenti principali che troviamo nell’ althea officinalis sono: la mucillaggine (25-35% ), i polifenoli, i tannini, gli steroli, la pectina  (11% ) e l’amido. Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia  sono: le radici, i fiori e le foglie. La proprietà principale della pianta è quella di essere un potente antinfiammatorio che combatte le bronchiti, le faringiti e le tossi secche. Nelle radici, di recente, sono stati individuati: lo scopoletolo, la quercetina, l’asparagina, l’acido normidor_bn1caffeico, l’acido clorogenico e acido cumarico. Gli estratti delle radici possiedono delle proprietà emollienti e lenitive sulle membrane della mucosa, dovute soprattutto alla presenza di mucillaggini che hanno evidenziato una potente attività ipoglicemizzante. L’utilizzo dell’ althea officinalis  (gli estratti delle radici, foglie e fiori) in Germania, viene impiegato per combattere il senso di inappetenza e nei disturbi digestivi. Essendo un ottimo antinfiammatorio, questa pianta è indicata per chi soffre di gengiviti, gastriti, coliti infiammatorie e spastiche. Nel mondo della cosmesi, vengono sfruttate le proprietà lenitive di cui gode, mediante l’applicazione localizzata di creme, quando si presentano casi di pelle sensibile, disidratata, secca, che si irrita e si arrossa facilmente, per piaghe e scottature. Per la cura e l’igiene di pelle delicate come quella dei bambini e degli anziani, i prodotti a base di althea officinalis  sono molto  indicati.

 

ALTHEA OFFICINALIS: storia e curiosità

Si narra che Althea era una famosa guaritrice e madre di Deianira e di Meleagro, le Moire le hanno predetto la morte del figlio allo spegnersi dell’ultimo tizzone che era presente nel fuoco, lei lo spense e lo nascose gelosamente. Ma in una contesa tra Etoli e

Stop al reflusso! Prova Reflunox

Stop al reflusso! Prova Reflunox

Cureti per impossessarsi del cinghiale Calidonio, Meleagro le uccise i fratelli e lei adirata contro il figlio lasciò consumare nel fuoco il tizzone da cui dipendeva la sua vita, poi, tormentata dal rimorso, si impiccò. I romani consideravano le radici di althea una vera squisitezza, nel Medio Evo, veniva coltivata nei giardini dei monasteri ed era utilizzata per curare piaghe tumefatte e infette, per gli inglesi è la Marsh Mallow e anticamente con le sue radici si faceva il dolce omonimo; nella medicina popolare l’althea era utilizzata anche per frizionare le gengive sensibili in fase di dentizione.

ALTHEA OFFICINALIS IN FITOTERAPIA: dosi di assunzione consigliate

Nella fitoterapia moderna l’althea officinalis viene impiegata sotto forma di estratti secchi in polvere, in infusi, decotti, macerati freddi e tinture madri. Le dosi di assunzione che si consigliano sono pari a 2 gr. di althea (fiori e foglie) per una tazza di acqua (infuso), 15 gr. di radice di althea in una tazza di acqua fredda (macerato freddo), 30 parti di althea in 100-1000 di acqua  (decotto), 50-150 mg. di polvere per capsula,  40 gocce di tintura madre tre volte al giorno.

ALTHEA OFFICINALIS: controindicazioni, effetti collaterali e interazioni farmacologiche

Se ne sconsiglia l’impiego in pazienti che seguono una terapia a base di insulina o farmaci ipoglicemizzanti orali, poiché l’elevato contenuto di mucillaggine nell’ althea può contribuire alla riduzione dei livelli glicemici, in gravidanza e in allattamento.

ALTHEA OFFICINALIS: ricette e curiosità

Il medico e botanico greco Dioscoride Pedanio la descriveva  come utile rimedio nei trattamenti interni e esterni contro le infiammazioni. Già in tempi antichi Plinio ne descriveva le proprietà officinali nella sua opera Naturalis historia ,scritta nell’anno 77.

Lalthea officnalis la troviamo in commercio come ingrediente principale in molti prodotti, tra i quali: latte detergente, creme per pelli delicate, doposole idratanti e lenitivi, colluttori, farmaci emollienti, unguenti. E’ anche utile per certi rimedi fai da te, come:

Tisana Altamen

detosnel_bn1Ingredienti: 3 cucchiai di fiori di ‘althea, 3 cucchiai di foglie di menta, 1 l. di acqua. Preparazione: Portare ad ebollizione 1 l. di acqua, immergere i fiori di althea e le foglie di menta. Far bollire per 5 minuti e spegnere. Lasciare il tutto in infusione per 15 minuti circa, dopodiché, filtrate. Questa tisana, consumata per un paio di volte al giorno, è utile per calmare la tosse ed espellere il catarro.

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
luteina
LUTEINA

LUTEINA I carotenoidi sono pigmenti naturali che danno il colore ai tuorli d'uovo, pomodori, foglie verdi, frutta e fiori. Non...

vincenzo-priessnitz_preissnitz_vincenz
Vincenzo Priessnitz

Vincenzo Priessnitz Padre dell'idroterapia Vincenzo Priessnitz è considerato il padre dell’idroterapia, ovvero colui che proprio ha inventato l’idroterapia, la cura...

glucomannano_Amorphophallus_konjak
Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2

Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2 Perché diventa fondamentale l'assunzione di glucomannano prima...

analisi_cliniche_ANTICORPI-ANTI-CITOPLASMA-NEUTROFILI
ANALISI CLINICHE: ANTICORPI ANTI CITOPLASMA NEUTROFILI

ANTICORPI ANTI CITOPLASMA NEUTROFILI Cos’è: Gli anticorpi diretti contro le componenti del citoplasma dei neutrofili e dei monociti, denominati ANCA,...

analisi_cliniche_ANTI-CHLAMYDIA-TRACHOMATIS
ANALISI CLINICHE: ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA TRACHOMATIS

ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA TRACHOMATIS Cos’è: Il Chlamydia trachomatis è un batterio gram negativo identificato come parassita endocellulare obbligato, nonostante contenga...

Close