«

»

Anticorpi antifosfolipidi

Anticorpi antifosfolipidi

Cos’è: Gli anticorpi antifosfolipidi sono “auto”anticorpi (prodotti dallo stesso organismo affetto dalla patologia autoimmune) diretti contro proteine plasmatiche che riconoscono e legano i fosfolipidi anionici (carichi negativamente) presenti sulla membrana plasmatica di tutte le cellule e delle piastrine.  I principali bersagli antigenici sono la β2 Glicoproteina I e la protrombina (PT),  la proteina C attivata, l’attivatore tissutale del plasminogeno e l’annessina A2. La distruzione di tali bersagli proteici da parte degli autoanticorpi comporta varie alterazione cliniche, tra le quali eccessiva formazione di coaguli, aborti spontanei e/o parti prematuri, formazione di trombi, ictus e infarti. Inoltre tale condizione patologica autoimmune è stata identificata come sindrome da antifosfolipidi (APS). Questa malattia può manifestarsi in forma primaria, senza altre complicanze patologiche; e in forma secondaria, in associazione con il lupus eritematoso sistemico, anch’essa malattia autoimmune.

I test per la determinazione sono diversi e in particolare sono Lupus Anticoagulant (LAC), che misura la capacità da parte degli anticorpi antifosfolipidi di prolungare il tempo di coagulazione nei test fosfolipide-dipendenti; ricerca di anticorpi anticardiolipina (aCL), specifici per fosfolipidi di carica elettrica negativa o per complessi fosfolipidi-proteine; ricerca di anticorpi anti β2 Glicoproteina I.

Secondo uno studio effettuato dal servizio di reumatologia ed immunologia clinica dell’Università degli studi di Brescia,” La APS è definita dall’associazione di manifestazioni trombotiche (arteriose e/o venose) e/o complicanze ostetriche alla positività di almeno uno dei tre test classici per la ricerca di anticorpi antifosfolipidi (LAC, aCL e anti-b2GPI). Per una corretta diagnosi gli anticorpi antifosfolipidi devono confermarsi persistentemente positivi, in almeno 2 determinazioni, eseguite a distanza di non meno di 12 settimane l’una dall’altra”.

Prescrizione esame: Alterazione dell’attività di coagulazione del sangue, ptt allungato, formazione di trombi, mal di testa, gonfiore alle parti estreme del corpo, frequenti aborti spontanei, difficoltà respiratorie, trombocitopenia.

Valori di riferimento:

Uomo-Donna: <10 U/ml assenti; 10-15 U/ml presenti deboli; >15 U/ml presenti.

Un risultato negativo può indicare che in quel determinato momente non vi è presenza di autoanticorpi. E’ consigliabile, se i sintomi persistono, ripetere l’esame varie volte nel corso del tempo. Livelli medio-alti di uno o più autoanticorpi, che persistono anche dopo 10 settimane, indicano una probabile presenza costante di tali anticorpi.

Valori fuori norma:

La presenza costante di anticorpi antifosfolipidi può indicare la presenza di tale malattia autoimmune. La complicanze sono varie e gravi. Possono verificarsi aborti spontanei, trombosi venose, cerebrali, ecc.. ictus, infarti, embolie polmonari, ecc.

——-

Trova i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere, su myolostore.com

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
ANALISI CLINICHE: ANEMIA FALCIFORME (RICERCA GENETICA)

ANEMIA FALCIFORME (RICERCA GENETICA) Cos’è: L’anemia falciforme è una malattia genetica autosomica recessiva. Viene denominata falciforme perché causa l’alterazione morfologica...

muesli naturbene
Il Muesli Naturbene

Il Muesli Naturbene è un ottimo alimento, ideale per la colazione e fornisce all’organismo nutrienti importanti, tali da permettere di...

invecchiamento e antiossidanti
Invecchiamento e antiossidanti

Invecchiamento e antiossidanti L'invecchiamento è il normale processo al quale tutti noi dobbiamo sottostare, ma ciò non implica che non...

fibre
L’importanza delle fibre nell’alimentazione

L’importanza delle fibre nell’alimentazione Le fibre alimentari si trovano principalmente nella frutta, verdura, cereali integrali e legumi. Di norma le...

PIRAMIDE_NATURBENE_COTTURE
Le cotture

Le cotture “La cottura consiste nell'esporre gli alimenti a fonti di calore più o meno dirette, al fine di trasformare un  alimento...

Close