«

»

Il “prete” allossano ed il suo “santo” diabete

farina sbiancataCertamente ognuno di noi avrà mangiato una pizza, un piatto di spaghetti, della pasta fresca fatta in casa, del pane appena sfornato ecc. ecc. ma vi siete mai soffermati un attimo a pensare… perché la farina usata per la pizza/pasta/pane è così bianca? Se domani mattina prendete un pugno di grano appena raccolto e lo macinate per farne farina anche nel modo più fine possibile, non diventerà mai così bianco come la farina usata per la vostra pizza/pane/pasta. Perché? Al di là del fatto che la farina commercialmente più usata è senza la crusca (fibra), essa subisce un trattamento di sbiancatura… Eh si.. purtroppo è così… Le cose più “buone” e “naturali” che avete mangiato (cosa c’è di naturale in uno spaghetto?) sono sbiancate… come se fossero sporche originariamente e vanno sbiancate.. Purtroppo esse vengono sbiancate con sostanze chimiche. In alcuni paesi è permesso sbiancare le farine con il biossido di cloro… una sostanza che in questi alimenti si combina con le proteine residue e produce allossano (alloxan in inglese), un veleno usato per produrre il diabete sugli animali in laboratorio.

allossanoAvete letto bene,  ogni giorno rischiate di mangiare un alimento che potrebbe contenere tracce di un veleno usato per produrre il diabete in laboratorio sugli animali, distruggendo le cellule beta del vostro pancreas. Se siete li lì pronti ad ingurgitare il buon succulento panino o merendina, forse è meglio non farlo e se per anni l’avete fatto e avete una storia familiare di diabete, è meglio cambiare le proprie abitudini, smettendo di nutrirsi con farine sbiancate ed adottare dei rimedi al fine di non peggiorare le cose o nel migliore dei casi di invertire gli effetti dell’ allossano, integrando la propria dieta con la vitamina E. L’uso del biossido di cloro non è consentito nei paesi Europei, ma c’è da chiedersi se la maggior parte di farine usate in Europa e che provengono da importazione, se rispettano il divieto dell’uso di questa o altre sostanze chimiche tossiche.

Alcuni studi dimostrano che è possibile invertire gli effetti dell’allossano integrando la propria dieta con la vitamina E. Secondo il Manuale di Guarigione Naturale del Dr. Gary Null (Dr. Gary Null’s Clinicians Handbook of Natural Healing), la Vitamina E sembra efficace nel proteggere i topi da laboratorio dagli effetti nocivi dell’ allossano somministrato. Ora, immaginiamo che tu che stai leggendo non sei un topo da  topo da laboratorio, ma sei una persona e la vitamina E è sicuramente una sostanza che vale la pena di aggiungere al nostro regime quotidiano, soprattutto se avete una storia di diabete familiare. Anche se si è già diabetici, alcune semplici modifiche alla vostra dieta potrebbero aiutare a gestire meglio il diabete. Prima di tutto, smettere di mangiare cibi preparati con farina bianca. Anche se già avete il diabete, i supplementi di vitamina E possono ancora aiutare, così come possono farlo anche molti cibi comuni. L’ aglio, per esempio, fa cose egregie nel diabete come affermato dal Dr. Benjamin nel suo libro Aglio per la salute (Garlic for Health).

pressione_colesterolo_cardiovascolareNegli anni ci hanno insegnato che mangiare pane e pasta era la cosa migliore… “Basta che c’è il pane e la pasta e siamo apposto” è uno slogan che ancora ci portiamo dietro… Purtroppo con quali risultati? Negli anni abbiamo incrementato le patologie legate al diabete, cardiopatie e morbo di Alzheimer oltre al fatto che la nostra obesità nazionale è cresciuta di parecchio, tanto da correre ai ripari… ah la famosa dieta mediterranea.

Related posts:

Lascia una recensione

2 Commenti on "Il “prete” allossano ed il suo “santo” diabete"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Albertina Torre
Ospite

una buona ragione per informarsi ciao siamo noi i responsabili della nostra salute
riciao

Salvatore Testa
Ospite

..ma perchè non si sbiancano le corna1?

wpDiscuz
Read more:
Antigene carcino embrionale CEA

Antigene carcino embrionale CEA Cos’è:  Il CEA è una famiglia di glicoproteine tissutali coinvolte nell’adesione delle cellule durante lo sviluppo...

corticotropina_ormone_adrenocorticotropo_acth
ANALISI CLINICHE: ORMONE ADRENOCORTICOTROPO ACTH

ORMONE ADRENOCORTICOTROPO ACTH Cos'è: L'adrenocorticotropo o corticotropina è un ormone polipeptidico, costituito da 39 aminoacidi e ottenuto a partire da...

BERGAMOTTO_Citrus_Bergamia_Risso
BERGAMOTTO (Citrus Bergamia Risso)

BERGAMOTTO (Citrus Bergamia Risso): descrizione botanica, storia, curiosità, usi, benefici in fitoterapia. Il bergamotto (Citrus Bergamia Risso), appartiene alla famiglia...

catuaba
CATUABA

CATUABA: descrizione botanica, storia, curiosità, usi, benefici in fitoterapia La catuaba è un piccolo albero appartenente alla famiglia delle Erythroxylaceae....

enzimi_digestivi_reflusso_ernia_iatale
Enzimi digestivi – l’importanza degli enzimi digestivi

L'importanza degli enzimi digestivi Perché sono così importanti gli enzimi digestivi? Gli enzimi digestivi sono molto importanti per la salute,...

Close