«

»

Aglio – allium sativum: proprietà, usi, benefici e fitoterapia

Aglio – allium sativum: proprietà, usi, benefici e fitoterapia

Aglio-allium-sativumL’Aglio Allium sativum (nome comune aglio) appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è una pianta erbacea a bulbi. L’aglio è molto conosciuto fin dai tempi antichi, benché le sue origini siano incerte, tanto che era utilizzato ed apprezzato dagli Egizi nel III millennio a.c.; oggi è coltivato in tutto il mondo, nelle regioni a clima temperato e asciutto. E’ una pianta perenne rustica, la cui altezza può oscillare dai 20 cm. al metro e oltre. Presenta delle radici cordiformi e superficiali, che interessano i primi 30 cm di terreno; il suo bulbo è composto da più spicchi arcuati avvolti da membrane dalla consistenza cartacea; presenta delle foglie nastriformi di colore verde intenso e lucente. La sua fioritura avviene in tarda primavera o all’inizio dell’estate e in quel periodo emette uno stelo rigido alla sommità del quale appare un’infiorescenza ad ombrella; i fiori, sono posti su un lungo e sottile peduncolo e possono essere bianchi, rosa, violetti, gialli, porpora o azzurri. La sua raccolta avviene nel momento in cui le foglie sono completamente secche e ciò avviene solitamente tra luglio e agosto a seconda della latitudine. I bulbi vengono quindi fatti seccare al sole, evitando che vengano bagnati dalla pioggia, o in un luogo asciutto e areato. L’odore caratteristico dell’aglio è dovuto a numerosi composti organici di zolfo tra cui l’alliina e i suoi derivati, quali l’allicina e il disolfuro di diallite.

Aglio – allium sativum - Le sue proprietà e benefici:

L’Aglio Allium sativum è ricco di varie vitamine, come il ferro, lo zolfo e lo iodio. Ha la capacità di disintossicare l’organismo ed esercitare un’azione antibiotica. A differenza di certi antibiotici, si occupa dei batteri patogeni, non attaccando la flora batterica saprofita, ma favorisce il suo ripristino. Il suo particolare odore e le sue proprietà, sono da avvalorare ad un’essenza solforata che è presente nel bulbo, ottimo antisettico; proprio per questa sua proprietà, i medici del periodo medievale, si proteggevano con delle maschere a base di aglio; mentre, nella seconda guerra mondiale (tempi più recenti) schiacciavano dell’aglio per disinfettare le loro ferite. Uno studio recente, svolto in Cina e negli Usa , ha suggerito che l’uso costante dell’aglio, arrivi a prevenire malattie come il cancro e ha anche la capacità di prevenire e combattere l’aterosclerosi, migliorando così la circolazione sanguigna e normalizzando di conseguenza la pressione arteriosa; utilizzato anche come vermifugo, per alcune affezioni polmonari. Gli alcaloidi sono contenuti nell’aglio e hanno la capacità di svolgere un’azione molto simile all’insulina, abbassando così i livelli della glicemia e per questa ragione viene considerato un validissimo supporto nelle varie terapie contro i diabete e in altre malattie che riguardano il metabolismo degli zuccheri. Tra le svariate proprietà dell’aglio, è presente quella di riuscire a donare un aspetto luminoso alla pelle e a favorire la crescita dei capelli, tale effetto, lo dona l’acido fitinico, esso, infatti, lega le sostanze minerali e può essere trasformato in inositolo, una sostanza che stimola la crescita cellulare. Questa pianta è un ottimo rimedio per chi presenta svariati disturbi, quali: digestione difficile, con casi di reflusso, pesantezza e bruciore di stomaco, tosse grassa, respirazione faticosa, alito pesante, pelle squamosa con eruzioni cutanee che si sfogano sotto forma di puntini rossi, dolori muscolari dei tendini e dell’anca, che comportano difficoltà nei movimenti e costituisce un ottimo rimedio contro meteorismo,crampi addominali, dissenteria. Inoltre, in omeopatia, altre proprietà di cui gode tale pianta, sono le seguenti: antiossidanti, immunostimolanti, antivirali. Un’altra proprietà importante dell’aglio è quella che riesce a proteggere dai pericolosi metalli pesanti, sostanze pericolose per il nostro organismo, che entrano attraverso lo smog, otturazioni dentali di vecchia concezione come il piombo, frutta ed ortaggi contaminati; gli organi che vengono intaccati maggiormente sono il fegato, i polmoni, i reni e il sistema nervoso, con degli effetti che vanno dal sintomo immediato a manifestazioni patologiche che si avvertono a distanza di anni. I composti solforati che sono presenti tra le molecole dell’aglio si legano alle molecole di mercurio, piombo e cadmio presenti nell’organismo, che in questa maniera vengono eliminate facilmente. Il sistema immunitario ha la specifica funzione di proteggerci dalle malattie ed è stato dimostrato che l’aglio è in grado di stimolare la funzione immunitaria, esso fa parte di un sistema di difesa più ampio, che include anche la pelle, e che impedisce a molti organismi e sostanze nocivi di entrare; lacrime, saliva e sudore, che contengono sostanze chimiche in grado di distruggere alcuni batteri e microbi; le mucose che schermano le pareti interne dell’organismo da tossine e germi. Anche tonsille, adenoidi, milza, appendice e ghiandola timica fanno parte del sistema immunitario, insieme alla schiera di globuli bianchi composti da diversi tipi di cellule che attaccano e distruggono gli organismi estranei e i batteri. Un tipo di globuli bianchi, i linfociti B, possono essere convertiti in cellule che producono anticorpi, i soli organismi del corpo umano che distruggono ed eliminano i virus.

Aglio – allium sativum - Come si usa?

La parte che si utilizza dell’aglio sono i bulbi. La sua raccolta avviene quando le foglie sono completamente secche, estirpando la pianta e lasciandola nel terreno ad essiccare per una settimana circa. Molto spesso i bulbi dell’ aglio si riuniscono in mazzi intrecciando le foglie in modo da formare le trecce caratteristiche. Se l’ambiente è ben secco si possono conservare fino a 7 mesi circa. Si utilizzano i bulbi nel cibo e anche come decotto o infuso per i dolori reumatici, la febbre, i vermi intestinali, la pressione alta ed i catarri branchiali. Esternamente viene usato, tritato per le nevralgie e come composto per le verruche e i calli. L’estratto di aglio, invece, viene utilizzato nell’industria farmaceutica per la preparazione di prodotti che combattono la pressione alta. In cucina, l’utilizzo è cosa ormai nota e in tutti i paesi del mondo viene utilizzato per aromatizzare molti cibi.

Aglio – allium sativum - Effetti collaterali:

L’effetto che è ritenuto sgradevole è certamente il cattivo odore che fa emanare all’alito e al sudore. Esistono anche altri possibili effetti indesiderati che racchiudono la sfera delle irritazioni gastrointestinali, possibile nausea, vomito e diarrea qualora si fa abuso e allergia se si ha un contatto sulla pelle, in soggetti allergici. Sconsigliato l’uso di aglio nei soggetti anemici, chi soffre di ulcera peptica, gastrite acuta, alle donne in gravidanza e che allattano, in quanto può influire sull’odore del latte materno.

Aglio – allium sativum - Interazioni farmacologiche:

Chi fa uso di farmaci anticoagulanti ne può inibire l’uso , dato che, potrebbe rendere ingestibile il dosaggio del farmaco stesso.

Aglio – allium sativum - Ricette a base di Aglio:

Sale all’aglio:

Ingredienti:8 cucchiaini di sale, 2 spicchi di aglio.

Preparazione: Mescolate il sale allo spicchio di aglio affettato a velo e lasciate riposare per 24 ore in un recipiente coperto con carta da forno. Eliminate l’aglio e riponete il sale in un contenitore ben tappato.

Aglio in vasetto:

Ingredienti: 5 spicchi di aglio, 2 bicchieri di aceto, 2 bicchieri di acqua, olio evo q.b. sale grosso q.b.

Preparazione: Dividete l’aglio in spicchi e privateli della pellicina. Mettete l’aceto, l’acqua ed una manciatina di sale grosso in una pentola smaltata. Portate a bollore, quindi unite gli spicchi d’aglio e lasciateli cuocere per 10 minuti. Scolateli, poneteli ad asciugare su di un telo, poi disponeteli in vasetti di vetro e copriteli d’olio.

Chiudete ermeticamente i vasetti e riponeteli in luogo fresco, buio e asciutto.

Una volta consumato l’aglio, potrete utilizzare l’olio come condimento per spaghetti, insalate e pizze.

Burro all’aglio:

Ingredienti: 3 spicchi d’aglio, 50 g di burro, sale q.b.

Preparazione: Pestate in un mortaio l’aglio e amalgamatelo al burro ammorbidito, lavorando a crema con un cucchiaio di legno, quindi salate.

Fate raffreddare il composto in frigorifero e servitelo con pesce e verdure lessate o spalmatelo sul pane.

“Salmoriglio”:

Ingredienti: 6 spicchi di aglio, un ciuffetto di prezzemolo (in alternativa dell’origano), 2 limoni spremuti, sale q.b. pepe q.b. 100 ml di olio evo.

Preparazione: Pestate in un mortaio gli spicchi di aglio, il sale, il pepe e il prezzemolo (o altrimenti l’origano),aggiungete l’olio a filo e il succo dei due limoni e mescolate bene, finchè l’olio non si sarà aromatizzato bene.

Servitelo sul pesce e pollo arrosto.

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
maionese_naturbene
La Maionese fatta in casa

La Maionese fatta in casa Ci sono innumerevoli ricette per produrre una maionese in casa. Quella che usiamo noi è...

silimarina_infiammazione
La silimarina, un estratto del cardo mariano potrebbe aiutare ad inibile l’infiammazione in diversi tipi di cellule.

La silimarina, un estratto del cardo mariano potrebbe aiutare ad inibile l’infiammazione in diversi tipi di cellule. La silimarina, il...

SPOT_DETOSNEL
SPOT DETOSNEL NOVEMBRE 2015

SPOT DETOSNEL NOVEMBRE 2015

acido_alfa_lipoico_insulino_resistenza_metabolismo_glucosio_steatosi
L’acido alfa lipoico attenua insulino resistenza e migliora il metabolismo del glucosio.

L'acido alfa lipoico attenua insulino resistenza e migliora il metabolismo del glucosio. Per verificare se l'acido alfa-lipoico (ALA) potrebbe attenuare...

indice_sazietà
INDICE DI SAZIETA’

INDICE DI SAZIETA’ Voglia di cibo e fame sono separati da un filo sottile e quasi confondibile, tanto da compromettere...

Close