«

»

ZINCO

ZINCO

zincoLo zinco è un elemento essenziale per la vita degli esseri umani, esso infatti è un componente strutturale delle proteine e delle membrane cellulari ed è fondamentale per la crescita, lo sviluppo, la risposta immunitaria, la funzione cognitiva e la riproduzione. E’ presente a livelli elevati soprattutto nella muscolatura striata, nelle ossa e nella pelle. Nei maschi, lo zinco è un elemento importante per la produzione di sperma: in una sola eiaculazione si possono perdere fino a 5 mg di zinco. Una carenza di zinco può provocare una diminuzione nel numero degli spermatozoi nel seme, e viceversa, delle eiaculazioni molto frequenti possono provocare una carenza di zinco. Lo zinco è inoltre implicato nel funzionamento della vista, dell’olfatto, del tatto e della memoria, ed è responsabile del buon funzionamento di questi, ed una carenza ne causa disfunzioni. Una carenza di zinco condiziona pesantemente la crescita corporea e l’aumento di peso. Lo zinco fa anche parte dell’insulina, delle proteine e di enzimi ad azione antiossidante come la superossido dismutasi. Secondo alcune fonti, assumere pastiglie di zinco può dare una certa immunità dal raffreddore e dall’influenza. Per lo zinco è stato proposto un effetto atero-protettivo. Stati di carenza da zinco vengono descritti nei soggetti con malattie gastrointestinali o renali, ma una carenza più modesta può riguardare anche i vegetariani che assumono una dieta ricca di fitati, che ne riducono la biodisponibilità. Lo zinco è contenuto anche nei cereali oltre che nelle carni, nel latte e nelle uova, tuttavia la quota assorbita con gli alimenti di origine vegetale è minore di quella assorbita con i cibi di origine animale. Gli effetti antinfiammatori e antiossidanti dello zinco sono stati confermati da uno studio clinico randomizzato condotto su un gruppo di anziani. L’integrazione con 45 mg di zinco per 6 mesi ha aumentato il potere antiossidante e ridotto i livelli circolanti di proteine infiammatorie e molecole di adesione endoteliale, che in concentrazioni elevate sono indice di un aumento del rischio cardiovascolare (Bao et al., 2010).

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
ANALISI CLINICHE: ACIDO LATTICO

Acido lattico Cos’è: L’acido lattico è  un acido carbossilico formato a partire  dall’acido piruvico mediante l’attività dell’enzima lattato deidrogenasi. È...

ANALISI CLINICHE: AMILASI

AMILASI TOTALE E PANCREATICA, AMILASEMIA E AMILASURIA Cos’è: L’amilasi è un enzima che  degrada i legami glicosidici presenti negli oligosaccaridi,...

Bruschette verdi con bresaola

Bruschette verdi con bresaola Ingredienti per 4 persone: 4 fette di pane integrale 50 gr. di Mayonaise 1 cuore di...

resveratrolo
RESVERATROLO

RESVERATROLO Il Resveratrolo (3,5,4'-triidrossi-trans-stilbene) è fenolo naturale non flavonoide, e fitoalessina prodotta naturalmente da parecchie piante quando sono sotto attacco...

reflusso2
Reflusso, farmaci e rischi mortali: Il caso Domperidone

Reflusso, farmaci e rischi mortali: Il caso Domperidone Reflusso, gastrite e nausea...quali soluzioni?...Farmaci tossici? Molti dei farmaci utilizzati per l'attenuazione...

Close