«

»

Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2

Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2

glucomannano_Amorphophallus_konjakPerché diventa fondamentale l’assunzione di glucomannano prima dei pasti nei pazienti con diabete di tipo 2.

Un gruppo di ricercatori ha effettuato uno studio con l’obbiettivo di poter valutare i benefici dell’assunzione di glucomannano (Amorphophallus konjak) sui controlli della glicemia e dei lipidi (colesterolo e trigliceridi) nei pazienti diabetici di tipo 2. Lo studio, un crossover in singolo cieco, controllato con placebo, è stato effettuato su 10 uomini e 10 donne affette da diabete di tipo 2. I due protocolli, separati, sono stati seguiti in sequenza. Inizialmente 1 grammo di glucomannano o placebo, sono stati ingeriti 30 minuti prima di 75 grammi di glucosio per valutarne gli effetti sull’assorbimento del glucosio e la secrezione di insulina nel test di tolleranza al glucosio orale. In seguito, sono stati determinati i cambiamenti glicemici e lipidici dopo l’assunzione di 3 grammi al giorno di glucomannano per 4 settimane, in confronto al placebo. Sia nel test di tolleranza che nell’assunzione a lungo termine, il glucomannano ha ridotto significativamente l’aera del glucosio 120 minuti sotto la curva. Il glucomannano ha anche diminuito l’aumento del colesterolo / lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C). Riduzioni di insulino resistenza e di indice di massa corporea sono stati rilevati. Nel diabete di tipo 2, pertanto l’assunzione pre-prandiale, cioè prima del pasto, del glucomannano ha attenuato un aumento di glucosio nel sangue, senza alterare in modo significativo i livelli di insulina. L’assunzione a lungo termine di glucomannano oltre a regolare il regime diabetico, ha impedito la formazione di C-LDL e l’aumento di colesterolo. Pertanto la supplementazione di glucomannano può essere utile per i controlli glicemici e lipidici nel diabete di tipo 2. (Fonte: J Med Assoc Thai. 2007 Oct;90(10):2150-7. Glycemic and lipid responses to glucomannan in Thais with type 2 diabetes mellitus. Chearskul S1, Sangurai S, Nitiyanant W, Kriengsinyos W, Kooptiwut S, Harindhanavudhi T.) 

——-

Trova i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere, su myolostore.com

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
Spezzatino di tonno mediterraneo

Spezzatino di tonno mediterraneo Ingredienti per 4 persone: 600 gr. di tonno fresco 1 melanzana grande (o due medie) 4...

curcumina_melanoma_300
La Curcumina induce autofagia, inibisce la proliferazione ed invasione delle cellule di melanoma

La Curcumina induce autofagia, inibisce la proliferazione ed invasione delle cellule di melanoma Il melanoma è il tumore maligno cutaneo...

camomilla
CAMOMILLA MATRICARIA

CAMOMILLA MATRICARIA: descrizione botanica, storia, curiosità, usi, benefici in fitoterapia La camomilla matricaria è una pianta erbacea annuale profumata, appartenente...

acido_alfa_lipoico_insulino_resistenza_metabolismo_glucosio_steatosi
L’acido alfa lipoico attenua insulino resistenza e migliora il metabolismo del glucosio.

L'acido alfa lipoico attenua insulino resistenza e migliora il metabolismo del glucosio. Per verificare se l'acido alfa-lipoico (ALA) potrebbe attenuare...

quercetina_cipolle
La quercetina esercita attività anti – melanoma ed inibisce la segnalazione STAT3

La quercetina esercita attività anti-melanoma e inibisce la segnalazione STAT3 Il melanoma è altamente resistente alla chemioterapia, ed il tasso...

Close