«

»

Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2

Risposte glicemiche e lipidiche al glucomannano nei pazienti con diabete di tipo 2

glucomannano_Amorphophallus_konjakPerché diventa fondamentale l’assunzione di glucomannano prima dei pasti nei pazienti con diabete di tipo 2.

Un gruppo di ricercatori ha effettuato uno studio con l’obbiettivo di poter valutare i benefici dell’assunzione di glucomannano (Amorphophallus konjak) sui controlli della glicemia e dei lipidi (colesterolo e trigliceridi) nei pazienti diabetici di tipo 2. Lo studio, un crossover in singolo cieco, controllato con placebo, è stato effettuato su 10 uomini e 10 donne affette da diabete di tipo 2. I due protocolli, separati, sono stati seguiti in sequenza. Inizialmente 1 grammo di glucomannano o placebo, sono stati ingeriti 30 minuti prima di 75 grammi di glucosio per valutarne gli effetti sull’assorbimento del glucosio e la secrezione di insulina nel test di tolleranza al glucosio orale. In seguito, sono stati determinati i cambiamenti glicemici e lipidici dopo l’assunzione di 3 grammi al giorno di glucomannano per 4 settimane, in confronto al placebo. Sia nel test di tolleranza che nell’assunzione a lungo termine, il glucomannano ha ridotto significativamente l’aera del glucosio 120 minuti sotto la curva. Il glucomannano ha anche diminuito l’aumento del colesterolo / lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C). Riduzioni di insulino resistenza e di indice di massa corporea sono stati rilevati. Nel diabete di tipo 2, pertanto l’assunzione pre-prandiale, cioè prima del pasto, del glucomannano ha attenuato un aumento di glucosio nel sangue, senza alterare in modo significativo i livelli di insulina. L’assunzione a lungo termine di glucomannano oltre a regolare il regime diabetico, ha impedito la formazione di C-LDL e l’aumento di colesterolo. Pertanto la supplementazione di glucomannano può essere utile per i controlli glicemici e lipidici nel diabete di tipo 2. (Fonte: J Med Assoc Thai. 2007 Oct;90(10):2150-7. Glycemic and lipid responses to glucomannan in Thais with type 2 diabetes mellitus. Chearskul S1, Sangurai S, Nitiyanant W, Kriengsinyos W, Kooptiwut S, Harindhanavudhi T.) 

——-

Trova i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere, su myolostore.com

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
Cannoli di melanzane ripieni di seitan gratinati

Cannoli di melanzane ripieni di seitan gratinati Ingredienti per 4 persone: 2 melanzane tonde 200 gr. di seitan  (vedi ricetta...

curcumina_melanoma_300
La Curcumina induce autofagia, inibisce la proliferazione ed invasione delle cellule di melanoma

La Curcumina induce autofagia, inibisce la proliferazione ed invasione delle cellule di melanoma Il melanoma è il tumore maligno cutaneo...

ANALISI CLINICHE: ANTICORPI ANTI CITOMEGALOVIRUS

ANTICORPI ANTI CITOMEGALOVIRUS Cosa sono: Gli anticorpi contro il citomegalovirus appartengono alla famiglia delle immunoglobuline, che vengono prodotte in seguito...

ANALISI CLINICHE: α 1 ANTITRIPSINA

α 1 ANTITRIPSINA Cos’è: L’α 1 antitripsina è una proteina, più specificamente glicoproteina, appartenente alla famiglie delle globuline. Questa proteina...

ipocalcemia_inulina_inibitori_pompa_protonica
L’inulina previene l’ipocalcemia indotta dagli inibitori di pompa protonica

L'inulina previene l'ipocalcemia indotta dagli inibitori di pompa protonica La supplementazione di inulina come integratore, previene l'ipocalcemia provocata dall'assunzione degli...

Close