«

»

Il cardo mariano nel diabete mellito di tipo 2

cardo-marianoIl cardo mariano nel diabete mellito di tipo 2 

Nel diabete mellito di tipo 2 (non insulino-dipendente) è sicuramente utile un’integrazione a base di silimarina estratta dal cardo mariano (Silybum marianum L. Gaertn), in quanto esercita un effetto benefico, andando a migliorare il profilo glicemico.

Il cardo mariano è notoriamente un rimedio fitoterapico dotato di azione epato-protettrice ed antiossidante.

Lo stress ossidativo risulta sempre più coinvolto nella comparsa delle complicazioni legate al diabete mellito di tipo 2, dal momento che può danneggiare direttamente le cellule ß del pancreas o portare ad alterazioni metaboliche.

Diversi studi clinici e sperimentali si sono proposti di valutare l’azione dei nutrienti antiossidanti sul controllo della glicemia in pazienti diabetici.

In uno studio randomizzato a doppio cieco della durata di 4 mesi, condotto su 52 pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2, è stata valutata l’azione antiossidante del cardo mariano sul profilo glicemico.

I soggetti sono stati divisi in due gruppi: al primo sono state somministrate tre tavolette al giorno da mg 200 di silimarina in associazione ad una terapia convenzionale; il secondo, invece, costituito da 26 soggetti, ha ricevuto la stessa terapia in associazione ad un placebo.

I pazienti sono stati visitati ogni mese e all’inizio e alla fine dello studio sono stati misurati i livelli plasmatici di: emoglobina glicata (o glicosilata), glicemia a digiuno, insulina, colesterolo totale, colesterolo LDL, colesterolo HDL, trigliceridi, transaminasi (GOT o AST, GPT o ALT).

Dai risultati ottenuti si è visto che nei soggetti trattati con l’estratto di cardo mariano si assiste ad una diminuzione di tutti i valori misurati (eccetto insulina e colesterolo HDL) sia rispetto al gruppo placebo che rispetto ai valori rilevati all’inizio dello studio.

Gli autori concludono affermando che un’integrazione a base di silimarina della durata di 4 mesi esercita un effetto benefico nei pazienti diabetici di tipo 2, andando a migliorare il profilo glicemico.

Huseini HF et al. ”The efficacy of Silybum marianum (L.) Gaertn. (silymarin) in the treatment of type II diabetes: a randomized, double-blind, placebo-controlled, clinical trial” Phytother Res. 2006 Oct. 30.

——-

Trova i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere, su myolostore.com

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
ANALISI CLINICHE: Acido tricloroacetico

Acido tricloroacetico Cos’è: L’acido tricloroacetico è un acido  e si usa in sintesi organiche; è dotato di proprietà cauterizzanti ed...

ANALISI CLINICHE: AMFETAMINE

AMFETAMINE Cos’è: Le amfetamine sono delle amine simpatico mimetiche, di origine sintetica che agiscono sul sistema nervoso stimolandolo. La prima...

ANALISI CLINICHE: ACIDI BILIARI

ANALISI CLINICHE: Acidi biliari Cosa sono: Gli acidi biliari (acido colico e chenodesossicolico) sono formati nel fegato a partire dal...

glutammina
GLUTAMMINA

GLUTAMMINA-L La glutammina è un amminoacido coinvolto in molti processi metabolici, tra cui nei processi digestivi. Una sua carenza può...

ANALISI CLINICHE: ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA TRACHOMATIS

ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA TRACHOMATIS Cos’è: Il Chlamydia trachomatis è un batterio gram negativo identificato come parassita endocellulare obbligato, nonostante contenga...

Close