«

»

ANALISI CLINICHE: α 1 ANTITRIPSINA

α 1 ANTITRIPSINA

Cos’è: L’α 1 antitripsina è una proteina, più specificamente glicoproteina, appartenente alla famiglie delle globuline. Questa proteina viene prodotta a livello epatico, dall’epitelio respiratorio e dai macrofagi, cellule appartenenti al sistema immunitario; e successivamente viene secreta nel sangue. La funzione principale è quella di inibire l’attività delle proteasi (serinproteasi). In caso di infezioni polmonari o in caso di inalazione di fumo di tabacco i nostri globuli bianchi producono le elastasi neutrofile per distruggere i virus o i batteri, ma danneggiano il tessuto polmonare arrecando maggiori danni agli alveoli; l’α 1 antitripsina interviene bloccando queste proteine e difendendo la matrice tissutale alveolare. L’alterazione funzionale dell’ α 1 antitripsina o addirittura l’assenza di tale proteina può causare diverse manifestazioni patologiche, oltre ad essere la causa di una malattia genetica nota come deficit dell’ α 1 antitripsina. Infatti se si dovesse verificare un caso di pancreatite acuta, la cui conseguenza principale è la distruzione cellulare e la fuoriuscita degli enzimi pancreatici, in assenza dell’α 1 antitripsina, si determinerebbe un’intensa attività della “tripsina” (enzima pancreatico) che causerebbe la distruzione del tensioattivo polmonare e dunque un collasso respiratorio. Oppure l’alterazione funzionale dell’α 1 antitripsina predispone il soggetto colpito ad una scarsa difesa del tessuto polmonare ed alveolare e quindi una maggiore predisposizione all’enfisema polmonare. Inoltre un accumulo cellulare di α 1 antitripsina a livello epatico può determinare epatiti croniche o acute e cirrosi. La malattia “deficit di α 1 antitripsina” è una malattia genetica trasmessa con carattere autosomico recessivo. Il gene che codifica per questa proteina è presente sul cromosoma 14 e presenta più di 75 varianti. L’allele sano è quello M, mentre sono causa della malattia gli alleli Z ed S, che determinano principalmente malattie polmonari ed enfisemi ed epatopatie, cirrosi ed epatocarcinoma.

  • Una copia di M e una di S o Z (MS o MZ) produrranno quantità ridotte di α 1 antitripsina di AAT ma sempre sufficienti per la propria protezione;  sono portatori sani.
  • Due copie di S (SS), possono risultare asintomatiche o affette moderatamente (queste persone producono circa il 60% di α 1 antitripsina)
  • Una copia di S e una di Z (SZ) hanno un  rischio aumentato di sviluppare l’enfisema (queste persone producono circa il 40% di α 1 antitripsina)
  • 2 copie Z (ZZ) sono quelle più compromesse (producono solo il 10% dell’α 1 antitripsina) insieme a quelle che hanno 1 o 2 copie delle rare forme del gene  che sono chiamate “null” (non producono α 1 antitripsina).

La ricerca di tale proteina può essere effettuata mediante un’indagine dei livelli sierici in concomitanza alla ricerca delle α 1 globuline mediante un’elettroforesi sieroproteica, oppure l’identificazione della malattia trasmessa geneticamente può essere effettuata mediante un’analisi del DNA.

Prescrizione esame: Valutazione, identificazione e monitoraggio di malattie epatiche, cirrosi, malattie polmonari ed enfisemi, esposizione a fumi tossici, ittero persistente.

Valori di riferimento:

Uomo-Donna: 90-205  mg/dl

Valori elevati o fuori norma:

Valori ematici elevati possono essere presenti in caso di gravidanza o assunzione di farmaci contraccettivi; AIDS; collagenopatie; neoplasia; infezioni croniche ed acute ed infarto e necrosi tissutale.

Valori bassi o fuori norma:

Valori ematici bassi possono essere dovuti ad alterazioni della funzionalità epatica, macrofagica e polmonare.  Infatti  valori ridotti possono riscontrarsi in pazienti affetti da epatopatie croniche o acute, cirrosi epatica, ustioni estese e profonde, ittero, bronchite cronica oppure in caso di malattia trasmessa geneticamente ed identificata come deficit di α 1 antitripsina.

——-

Solo su myolostore.com trovi i migliori prodotti, ed al miglior prezzo, per il tuo benessere!

——-

Related posts:

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Read more:
fibre
L’importanza delle fibre nell’alimentazione

L’importanza delle fibre nell’alimentazione Le fibre alimentari si trovano principalmente nella frutta, verdura, cereali integrali e legumi. Di norma le...

morbo_di_parkinson_plantago_ovata
Studio clinico randomizzato per valutare gli effetti della Plantago ovata in pazienti affetti dal Morbo Parkinson

Studio clinico randomizzato per valutare gli effetti della Plantago ovata in pazienti affetti dal Morbo Parkinson Uno studio clinico randomizzato...

selenium selenio
SELENIO

SELENIO Il selenio è un oligoelemento essenziale che contribuisce in modo importante alla nostra funzione di difesa immunitaria e antiossidante....

sulforafano_broccoli
Il Sulforafano inibisce la crescita delle cellule del cancro della tiroide e la loro invasività

Il Sulforafano inibisce la crescita delle cellule del cancro della tiroide e la loro invasività Il Sulforafano (SFN), un composto...

ANALISI CLINICHE: Amniociti (ricerca di amniocentesi)

Amniociti (ricerca di amniocentesi) Cos’è: La ricerca degli amniociti è definita amniocentesi ed è una tecnica mini-invasiva di diagnosi prenatale....

Close